Articoli

Intervento di Sporteams alla LND Lucca

Ieri Sporteams ha incontrato i delegati della LND Lucca per confrontarsi sulla piattaforma Programmazione Gare. Presenti anche due società che hanno scelto Sporteams.

Proseguono gli incontri tra la start-up Sporteams e i delegati della Lega Nazionale Dilettanti. Un confronto continuo per migliorare i servizi alla Federazione e alle società che hanno scelto di aprirsi al digitale. Solo ascoltando chi opera sui campi e nelle segreterie si può affinare il prodotto.

Due ore proficue ieri nelle quali si è dato spazio alle opinioni, ai consigli e alle domande delle società sportive dilettantistiche di Lucca e provincia sulla Programmazione Gare. La piattaforma di Programmazione Gare, sviluppata di concerto alla LND Toscana, permette alle società di conoscere perfettamente data, orario e terreno di gioco delle partite.

Le società hanno chiesto inoltre a Sporteams una miglioria che permetta di gestire anche le partite rinviate (siano esse con arbitro e non). Un aggiornamento recepito da Sporteams, già disponibile a trasformarlo in realtà.

Presenti anche due realtà molto importanti per il territorio e già clienti di Sporteams. Si tratta del Versilia Calcio e dello Sporting Pietrasanta (per approfondire).

Di seguito le info della LND Lucca:
Via Einaudi, 150
55100 Lucca
Telefono: 0583 353025
Fax: 0583 1642151
Email: dplucca@lnd.it
Pec: dplucca@pec-legal.it

La digitalizzazione nello sport è iniziata in Toscana.

La start-up Sporteams è stata presentata durante l’incontro del WordPress Meetup di Firenze.

La digitalizzazione nello sport è cominciata in Toscana. Alla Camera di Commercio di Firenze è stata presentata la start-up Sporteams, protagonista del rinnovamento delle società sportive dilettantistiche grazie al gestionale che ha sviluppato.

Questo permette di trasferire in digitale una serie di pratiche gestite nelle società sportive in modo oramai obsoleto. Dai certificati medici alle convocazioni fino ai pagamenti digitali.

Proprio per spiegare questi servizi alla Camera di Commercio il WordPress Meetup di Firenze ha ospitato Sporteams. Titolo dell’iniziativa è stato “La digitalizzazione nello sport: il caso Sporteams”. La stessa Sporteams utilizza WordPress per il suo sito.

Tommaso Orlandi, responsabile commerciale di Sporteams, ha presentato la start-up con queste parole: “Siamo partiti dalla Toscana con l’attivazione del servizio di programmazione gare per la LND Toscana. Su questa piattaforma si contano tutte e 700 le asd toscane e 10 mila referti per le gare. I tecnici di Sporteams hanno realizzato alcuni siti sempre con WordPress, per citarne alcuni la Festa Nazionale dello Sport e il Wow Festival per il Centro Sportivo Italiano. Sul nostro gestionale c’è anche uno spazio riservato agli sponsor delle asd, purché questi siano del territorio. Stiamo riuscendo a far capire alle asd che digitalizzare ha un senso. Prima non lo sapevano”.

Intervento anche del webmaster Tommaso Caligo. Caligo ha precisato che il gestionale di Sporteams non funziona solo per i dirigenti delle società sportive ma anche per i genitori, come nel caso dei pagamenti digitali.

A margine della presentazione di Sporteams è intervenuto Saverio Zeni, responsabile editoriale di OK!Mugello e organizzatore del WordPress MeetUp Firenze, che ha parlato di come creare un servizio efficace di newsletter.

Fulvio Coli, presidente Floria 2000

Spazio alle asd che si sono aperte al digitale. Fulvio Coli, presidente della Floria 2000, è stato intervistato da Sporteams.

“La digitalizzazione nello sport: il caso Sporteams”. Evento alla Camera di Commercio di Firenze insieme al WordPress Meetup.

All’evento del WordPress Meetup Firenze parteciperà anche la start-up Sporteams. Luca Bassilichi: “Evento che premia i nostri sforzi in una sede prestigiosa”.

Firenze 14 novembre 2019 – Giovedì 21 Novembre alle 16:30 presso la Camera di Commercio di Firenze si terrà un evento promosso dal WordPress Meetup che vedrà la partecipazione anche di Sporteams.

La digitalizzazione dello sport parte dalla Toscana. Sporteams, grazie alla collaborazione con la Lega Nazionale Dilettanti, fornisce la piattaforma di programmazione gare a tutte le asd toscane.

In più la app di Sporteams, scelta da società quali Floria, Sporting Arno, Academy Porcari, Sporting Pietrasanta e molte altre, permette di trasferire in formato digitale una serie di pratiche gestite con pratiche obsolete. Dai certificati medici alle convocazioni, dal registro presenze in allenamento fino ai pagamenti. Il tutto nel rispetto della privacy.

Per Sporteams parleranno Tommaso Orlandi, responsabile commerciale e Tommaso Caligo, webmaster. Titolo dell’intervento “La digitalizzazione nello sport: il caso Sporteams”.

L’evento, sponsorizzato tra gli altri da Siteground, verterà sulle funzionalità della piattaforma WordPress, utilizzata anche da Sporteams per il suo sito.

Sarà possibile seguire in diretta Facebook l’evento dalla pagina del WordPress Meetup di Firenze. Tra gli sponsor del Meetup fiorentino c’è anche HTValue, società da cui è nata Sporteams e che ha ospitato due dei precedenti incontri promossi (per approfondire).

Soddisfazione da parte di Luca Bassilichi: “Ringrazio il Meetup fiorentino di WordPress e in particolar modo Saverio Zeni per averci coinvolto nelle interessanti iniziative che stanno portando avanti e per lo spazio riservatoci quest’oggi”.

“Un ringraziamento speciale alla Camera di Commercio per la disponibilità e per l’interesse mostrato verso la digitalizzazione dello sport. Per Sporteams è una vetrina importante in un luogo prestigioso, un riconoscimento verso il lavoro svolto in questi mesi”.

Carlo Angioli, foto

Dalle asd: la testimonianza di Carlo Angioli, direttore generale del Litorale Pisano.

Sporteams vuole rendere merito a tutte quelle persone che operano nelle asd. Alcune di queste società stanno inoltre facendo uno sforzo importante per aprirsi al digitale. Una di queste il Litorale Pisano. Queste le riflessioni al blog di Sporteams del direttore generale Carlo Angioli.

Società rinata da poco e già molto attiva. “Sì, la società è nata nel 2017. Siamo subentrati alla società precedente. Questa aveva circa 40 bimbi. Abbiamo partecipato al bando per il campo di Marina di Pisa. Il bando è andato deserto e quindi siamo andati in affidamento diretto. Abbiamo speso in adeguamento quasi 80 mila euro. Sul litorale pisano era finito il calcio. Il campo era stato chiuso per irregolarità. Siamo subentrati e abbiamo messo in moto. Adesso siamo a 110″.

Il Litorale Pisano è diventato un punto di riferimento per la zona? “Abbiamo preso anche un campo a Tirrenia, il Kennedy, dove facciamo le partite. Stiamo anche cercando avere la convenzione per il campo San Piero a Grado. Siamo contenti perché siamo riusciti a portare anche U15 e U16 del Livorno, e la Prima Squadra Tirrenia”.

Per il prossimo anno? “Abbiamo fatto affiliazione tecnica con l’Empoli calcio. Fornirà un supporto tecnico ai nostri allenatori importante. Abbiamo deciso di farlo per far crescere la nostra scuola calcio. Da sempre è un nostro obiettivo”.

Le asd sono un punto di riferimento per le comunità. “Quel che ci interessa di più è fare qualcosa nel sociale. È un campo comunale e dev’essere fruibile a tutta al comunità. Abbiamo stilato un progetto per l’inclusione dei ragazzi disabili. Una difficoltà che abbiamo incontrato è la mancanza di ambienti chiusi: servono per esempio 30 metri per una palestra polifunzionale. Speriamo il prossimo anno di poterlo fare per includere anche questi ragazzi. Puntare tutto sull’agonismo non va bene. Il calcio nasce per il sociale”.

Anche Ilaria Benedetti dello Sporting Pietrasanta pensa che le asd abbiano un ruolo sociale decisivo.

Sport e digitale. L’impatto nella vostra asd della tecnologia? “Sono quello più avvezzo a usare la tecnologia e non ho mai avuto problemi. Siamo stati una delle prime società a scegliere Sporteams. Progetto che mi è piaciuto subito. Mancava qualcosa che riunisse nel digitale dirigenti, allenatori e giocatori e Sporteams ci è riuscita. Adesso abbiamo intenzione di rimuovere tutti i gruppi Whatsapp per passare integralmente all’app”.

4-8 novembre, rassegna stampa Sporteams

Sport dilettantistico e innovazione digitale: la rassegna stampa di Sporteams del 4-8 novembre.

Uno spazio per restare connessi all’innovazione digitale e allo sport dilettantistico. Ecco dunque la rassegna stampa di Sporteams che esce il venerdì. Questa quella della settimana 4-8 novembre.

Gli atleti inaugurano la nuova era tecnologica

“C’erano una volta i campioni che vincevano le maratone olimpiche correndo a piedi nudi. Oggi hanno chip sottopelle e nelle scarpe solette di carbonio”.

Antonio Ruzzo parla in un articolo di inizio settimana su Il Giornale della nuova era già iniziata, quella dell’uomo macchina. Questi chip controllano il livello di ossigeno nel sangue, per migliorare le prestazioni e controllare il calore del corpo. A sperimentarlo gli atleti.

Sempre di più nello sport vengono utilizzate “maglie termiche, in fibre riscaldanti, sintetiche, che permettono il controllo dell’umidità. Fibre che attraverso dei sensori a contatto con la pelle trasferiscono i dati a reti wireless e permettono di capire se i muscoli sono stanchi e se sono bene ossigenati. Ci sono orologi (se si possono ancora chiamare orologi) che con un lettore ottico leggono il polso, monitorano il cuore”.

Problema doping? La tecnologia offre una soluzione anche a questo.Un chip piazzato sotto la pelle sicuramente potrebbe spiegarci e svelarci se nel suo sangue e nelle sue urine c’è del doping“.

Infine il giornalista si chiede che fine farà l’uomo, se sarà sostituito dalle macchine, se gioveranno davvero al genere umano oppure serviranno solo ad arricchire chi arriverà per primo a mettere le mani sulle idee più innovative e giunge alla conclusione: “Certo nulla sostituirà il talento, l’intelligenza dell’allenatore e le lunghe ore di fatica dell’allenamento. Ma la ricerca vola e nei prossimi anni ad utilizzare queste tecnologie saranno i giovanissimi di oggi che vivono già in una dimensione digitale. Sarà difficile un po’ per tutti tenere il passo”.

Oltre alla rassegna del 4-8 novembre Sporteams ha parlato di sport e innovazione anche la settimana precedente.

ImpacTo

A Torino si svolgerà l’8 e il 9 novembre un evento su sport, innovazione e territorio organizzato da Sport Innovation Hub all’interno del Festival della Tecnologia

Due giornate dedicate a “ripensare lo sport come chiave per il futuro dei giovani e delle nuove tecnologie, per i progetti imprenditoriali e come leva di crescita per il turismo e l’innovazione sociale del nostro territorio” spiega Torinotoday.it. Apriranno l’evento il direttore di Tuttosport Xavier Jacobelli e la danzatrice su ghiaccio Gaia Russo

Otto le aree di interesse. La comunicazione del calcio e i social. L’innovazione tecnologica nello sport. Il caso del turismo sportivo in Piemonte. La centralità delle infrastrutture per lo sport. Sport e salute. Prevenzione e sicurezza, nello sport e non solo. Le buone prassi che nascono nello sport. Sport e inclusività.

Sport & Business Summit

Grande successo dell’evento Sport & Business Summit organizzato da Il Sole 24 Ore a Milano il 4 novembre. Hanno partecipato oltre 300 professionisti e addetti ai lavori.

Tra i vari temi trattati da segnalare i prossimi Mondiali di Sci Alpino (Cortina 8-21 febbraio), i Giochi Olimpici invernali di Milano-Cortina 2026 e il suolo dei progetti sportivi nella rigenerazione urbana.

Ospiti di assoluto livello. Joe Barone (consigliere delegato della Fiorentina), Paolo Scaroni (presidente del Milan), il vicepresidente dell’UEFA Michele Uva, Guy-Laurent Epstein (direttore marketing UEFA), Fabio Lalli (CEO di Iquii), Luigi De Siervo (Ad Lega Serie A), Giuliano Giorgetti (Senior content & digital advisor Fifa), Ludovica Mantovani (Presidente Divisione calcio femminile Figc), Andrea Cimbrico (Responsabile Area Comunicazione FIR) e Marzio Perrelli (Executive Vice President Sport Sky Italia). 

I due dirigenti delle società di Serie A presenti hanno parlato anche dei progetti dei rispettivi stadi di proprietà futuri, mentre Uva si è soffermato sul tema del razzismo dopo il caso Balotelli, condannando fermamente i responsabili di tali atti (le dichiarazioni di Sibilia della LND in merito).

L’analisi in particolare si concentrata sui nuovi trends dello sport e sulla questione “discontinuità e innovazione”: “Nel fatturato globale in crescita dell’industria dell’entertainment, nel 2018 lo sport rappresenta poco più di un quinto (21%), seguito a ruota dagli e-sport con il 15 per cento spiega Il Sole 24 Ore Nonostante il trend complessivo sia previsto ancora in crescita da qui fino al 2023, gli operatori del settore sport dovrebbero però prestare attenzione a tutti gli altri attori del mondo dell’entertainment (si veda grafico), perché potrebbero potenzialmente “drenare” fan e diventare a tutti gli effetti i loro competitor diretti. Globalizzazione e digitalizzazione hanno infatti portato maggiore facilità di produzione di contenuti e maggiore accessibilità ai fan, facendo sì che la competizione sia adesso trasversale ed elevatissima”.

La carta dei princìpi universali Esports

Inclusività, rispetto e ambiente sicuro e positivo. Sono questi i principi su cui si basano le regole degli eSports elaborate dalle associazioni di questa industria come l’italiana AESVI, l’europea ISFE, la statunitense ESA, la canadese ESAC, IGEA di Australia e Nuova Zelanda, la britannica UKIE e altre. 

In particolare vengono banditi: insulti, minacce e linguaggio violento per mantenere un ambiente tranquillo e sicuro; i comportamenti disonesti, ingannevoli e volti a barare per non compromettere il fair play; atteggiamenti discriminatori, promuovendo l’inclusività tra le varie culture e una comunità aperta e variegata. Infine le associazioni legate agli eSports vogliono promuovere la comunicazione interpersonale, il pensiero critico e far sviluppare un clima di amicizia sia tra compagni di squadra sia tra avversari. 

Sporteams condivide i valori degli eSports

Tra gli eventi di questo settore grande successo ha avuto la semifinale di League of Legends tra G2 e SKT che ha raggiunto quasi la cifra record di 4 milioni di spettatori, come sottolinea Powned.it. La finale è prevista per il 10 novembre a Parigi. Sarà ancora scontro tra Europa e Cina, con G2 da una parte e i FunPlus Phoenix, campioni dell’LPL cinese nel Summer con la vittoria sugli RNG.

“Da una parte la squadra favorita del torneo fin dall’inizio della competizione, per la prima volta un’europea, perché i G2 Esports dopo aver vinto l’MSI 2019 e i due titoli casalinghi cercano il Grande Slam, impresa mai riuscita a nessuno nella storia di League of Legends – sottolinea Esportsmag.it – Dall’altra gli FPX, squadra semisconosciuta fino a poco tempo fa che nell’ultimo anno in Cina ha finalmente trovato la propria dimensione, grazie agli investimenti realizzati dopo l’adozione del modello a franchigie, stile NBA”.

Da Sporteams

Come ogni lunedì Fabio Zucconi, commercialista specializzato nella consulenza alle asd, dispensa consigli per le società sportive dilettantistiche. Questa settimana parla della legge 398/1991 riguardo alle sponsorizzazioni dall’estero

I consigli di Zucconi della scorsa settimana

Zucconi parla della questione IVA per quanto concerne sia le sponsorizzazioni da paesi UE che da paesi extraeuropei.

“Nel caso di fattura attiva di sponsorizzazione a soggetto estero la società sportiva dovrà emettere una fattura senza l’applicazione dell’IVA e dovrà indicare nella fattura la dicitura “Operazione non soggetta ad IVA – articolo 7-ter D.P.R. n.633/1972” nel caso di committente extra-UE o “Operazione verso committente UE soggetta a inversione contabile – articolo 7-ter D.P.R. n.633/1972” nel caso di committente comunitario.

Se la prestazione è rivolta a committente comunitario – prosegue il consulente – si dovrà preliminarmente verificare che la partita IVA del committente estero sia presente nella banca-dati VIES e la stessa società sportiva dovrà preliminarmente essere iscritta o richiedere l’iscrizione a tale banca-dati”.

A questo punto, sottolinea sempre Zucconi,  è importante che le asd compilino il registro IVA minori, inserendo la sponsorizzazione nella colonna “Operazioni non rilevanti ai fini IVA” per non generare debiti. Bisogna, però, tenere conto che tutto ciò ha una riduzione dei proventi rispetto alle sponsorizzazioni nazionali: “pari all’11% del prezzo della sponsorizzazione. Infatti, nel caso di sponsorizzazione con committente nazionale, l’associazione sportiva avrebbe dovuto versare l’IVA nell’ambito della liquidazione trimestrale per un importo pari alla metà dell’IVA esposta in fattura (con aliquota al momento pari al 22%) e l’altra metà dell’IVA sarebbe stata trattenuta”

Qui l’articolo completo

Al blog di Sporteams questa settimana ha rilasciato un’intervista la segretaria dello Sporting Pietrasanta Ilaria Benedetti. La segretaria parla di come cresca sempre di più la società, di come inizialmente avesse soltanto prima squadra e juniores per poi ampliarsi e avere una propria scuola calcio.

“All’’inizio del mio lavoro come segretaria dello Sporting Pietrasanta non avevo molta dimestichezza con la tecnologia, ma mi sono applicata e ho imparato. Sporteams? È un’innovazione che ho abbracciato subito. Ringrazio Tommaso per aver sempre risposto alle mie domande e per avermi aiutato”

Infine la segretaria dello Sporting Pietrasanta racconta di come le asd siano un punto di riferimento per i ragazzi e di come il presidente della società si sia impegnato molto, soprattutto per i più giovani e per creare un ambiente in cui possano fare gruppo e divertirsi: “Lui fa una scuola calcio non d’élite, lui fa una scuola calcio per toglierli dai telefonini. Lui prende tutti i ragazzi perché siamo per lo sport e per lo stare insieme. Serafino Coluccini è una persona molto concreta e sensibile che fa calcio con il cuore”. 

Qui l’intervista completa

Dalle asd: la testimonianza di Ilaria Benedetti, segretaria dello Sporting Pietrasanta.

Sporteams vuole rendere merito a tutte quelle persone che operano nelle asd. Alcune di queste società stanno inoltre facendo uno sforzo importante per aprirsi al digitale. Una di queste è lo Sporting Pietrasanta, società nata nel 2017 e che già vanta 200 iscritti.

Queste le riflessioni al blog di Sporteams di Ilaria Benedetti, segretaria.

Obiettivi della società? “La squadra sta già dando risultati. Quando siamo partiti, avevamo solo Prima Squadra e Junioners. Siamo partiti con quasi niente. L’anno scorso abbiamo fatto il campus, poi anche scuola calcio. Ci siamo attivati anche per l’omologazione del campo”.

“Il nostro primo obiettivo nella prossima stagione sarà la promozione al campionato superiore, con la prossima stagione ricorre il 40° anniversario dello storico campionato di C2”.

Serafino Coluccini a Voce Apuana.

Quale è stato l’impatto del digitale? “All’inizio del mio lavoro come segretaria dello Sporting Pietrasanta non avevo molta dimestichezza con la tecnologia ma mi sono applicata e ho imparato. Sporteams? È un’innovazione che ho abbracciato subito. Ringrazio Tommaso per aver sempre risposto alle mie domande e per avermi aiutato”.

Anche il presidente dello Sporting Arno ha parlato positivamente della tecnologia.

Le asd rimangono uno dei punti di riferimento per le comunità e sono centrali nella crescita dei giovani. Condividi? “Assolutamente sì. È l’obiettivo del presidente. Lui fa una scuola calcio non d’élite, lui fa una scuola calcio per toglierli dai telefonini. Lui prende tutti i ragazzi perché siamo per lo sport e per lo stare insieme. Serafino Coluccini è una persona molto concreta e sensibile che fa calcio con il cuore. Siamo passati in Prima Categoria e ne siamo molto contenti: era ciò che volevamo. Da cinquanta bambini siamo passati a duecento. Servono quindi anche i risultati sul campo ma quello che ci piace di più è che i bambini giochino e si divertano insieme”.

Sabato Sport, Bassilichi: “Sporteams semplifica il lavoro ai segretari delle asd e aiuta le famiglie a gestire meglio il proprio tempo”.

Primo appuntamento su Sabato Sport, seguitissimo appuntamento di Lady Radio. Ha parlato Luca Bassilichi, ideatore di Sporteams.

Questo un passaggio in cui racconta della nascita della start-up. “Sporteams? Abbiamo iniziato dal Belmonte” ha dichiarato l’imprenditore. “Ci siamo resi conto che servisse uno strumento che da un lato potesse gestire i risultati e dall’altro che potesse aprire le asd ai genitori e viceversa” .

“Finora il segretario riceveva le informazioni sotto varie forme (fax, cartaceo, mail), ora invece insieme alla federazione, che ringraziamo, abbiamo installato il software che permette di organizzare tutte le gare, di conoscere data esatta e campo dove si gioca. Il segretario risolve questo problema ma anche le famiglie sanno con esattezza dove giocare e quando. Possono di conseguenza gestire meglio il proprio tempo ha proseguito Bassilichi.

Luca Bassilichi ha approfondito a OK! Mugello come Sporteams sia un progetto che coniuga sport, digitale, economia del territorio.

“Ugualmente per il certificato medico che viene digitalizzato attraverso la nostra app. Sporteams permette inoltre di conoscere se il campo è in sintetico o meno e dunque di regolarsi. Parliamo anche dei pagamenti. Sporteams grazie alle notifiche push ricorda le scadenze ai genitori e in questo modo fa recuperare risorse alle asd. Oggi basta un click e tutti possono organizzare meglio il tempo”.

C’è stato tempo anche per ricordare le società sportive che hanno scelto la app di Sporteams. Dal già citato Belmonte, dove tutto è cominciato, fino al Pisa Calcio, alla Scuola Calcio Vada, all’Academy Porcari, allo Sporting Arno.

Sabato Sport va in onda ogni sabato dalle 15:00 alle 17:30 e, grazie al lavoro di una squadra di professionisti, è diventato un appuntamento oramai imprescindibile per chi segue lo sport dilettantistico e giovanile.

Sempre a Sabato Sport Luca Bassilichi ha parlato anche di privacy.

Sporteams Rassegna stampa, foto 28-31 ottobre

Sport dilettantistico e innovazione digitale: la rassegna stampa di Sporteams del 28-31 ottobre.

Uno spazio per restare connessi all’innovazione digitale e allo sport dilettantistico. Ecco dunque la rassegna stampa di Sporteams che esce il venerdì. Questa quella della settimana 28-31 ottobre.

Sap-Now: protagonista la FIGC

Record di presenze al SAP NOW, evento svolto a Milano all’interno di Fieramilanocity e rivolto a tutti i professionisti che operano in contesti di business, organizzato da SAP, la multinazionale europea di software gestionali. 

Tra i premi assegnati ai vari protagonisti spicca il Gold Quality Award nella categoria Innovation che è andato alla FIGC. “Nella categoria Innovation (…) il Gold Quality Award è stato aggiudicato a FIGC Federazione Italiana Giuoco Calcio, partner Clariba Consulting S.L.U., per l’innovativa soluzione FIGC Football Data Integration (FDI360) – ha risportato Tecnelab.it –  che, utilizzando SAP Cloud Platform, fornisce informazioni in tempo reale sui giocatori federali italiani ad allenatori, staff medico e preparatori atletici“.

Premiate in altre categorie anche la Kerakoll e la RAI (Radiotelevisione Italiana) rispettivamente nelle categorie Fast Delivery e Business Transformation

“Essere un’impresa intelligente nell’economia dell’esperienza oggi significa essere aziende in grado di comprendere le emozioni, i pensieri e le azioni di clienti, dipendenti e partner, facendo uso delle tecnologie più appropriate. Come? Pensiamo a una impresa che deve agire, esattamente come agiscono gli individui, in maniera sempre più efficiente” ha dichiarato Luisa Arienti, Amministratore Delegato di SAP Italia.

Leggi la rassegna stampa della settimana precedente.

Lo “spazio concettuale” dell’evoluzione tecnologica sportiva

La sport industry si sta evolvendo e innovando grazie alla tecnologia e a nuovi modelli di business. Un ruolo importante lo occupa lo Sport Tech District di Trento.

“Uno spazio dove sono state esposte e promosse startup, progetti innovativi e idee istituzionali/territoriali” spiega Startupbusiness.it riguardo al progetto di Trentino Sviluppo, agenzia territoriale trentina che ha ideato il distretto. 

L’articolo di Startupbusiness.it ci tiene a sottolineare l’importanza data al distretto da parte della Gazzetta dello Sport, che lo ha definito “spazio concettuale” per tutto quello che riguarda la tecnologia applicata allo sport e al rapporto tra sport, innovazione e impresa. In particolare la Gazzetta ha prestato attenzione alla AR applicata allo sport. 

“Lo sport è stato identificato come un enorme campo di gioco con un mercato di circa 1.500 startup e più di 360 milioni di euro investiti nel 2018 – prosegue sempre Startupbusiness.it – E’ emerso un consenso generale in termini di valutazione delle opportunità future, in particolare in termini di “Attività & Performance” (cioè dispositivi indossabili e attrezzature; monitoraggio delle prestazioni e preparazione; preparazione) e – relativamente meno, ma comunque cospicuo – in termini di “Fan & Content” e “Management & Organisation”.

eSport, il tour della LND parte da Coverciano.

Inizia a Coverciano con il workshop “Educare giocando” il Road Show 2k20 organizzato dalla LND (Lega Nazionale Dilettanti). Il tour è dedicato agli eSports e al “corretto uso alla grande capacità inclusiva – possono giocarci e divertirsi anche le persone con disabilità – passando per la promozione di quei valori etici che sono alla base del calcio, soprattutto giovanile” come riporta gonews.it

Nomi illustri del panorama sportivo e non solo. Il presidente LND Cosimo Sibilia, Paolo Mangini nel ruolo di presidente comitato regionale Toscana, Davide Leonardi in qualità di presidente e fondatore di Insuperabili Onlus, Don Patrizio Coppola, fondatore dell’università del videogioco IUDAV, Aldo Grauso, psicologo dello sport. Da segnalare la presenza anche di due consiglieri nazionali della FIGC Francesco Franchi e Stella Frascà

“Il calcio femminile esiste grazie alla LND: ora c’è una divisione del calcio femminile – ha dichiarato Sibilia –  Ora E-sport: una nuova scommessa che possiamo portare avanti perché siamo sani dal punto di vista finanziario”.

Mangini ha poi sottolineato: “È importante questo progetto perché permette di far giocare in maniera inclusiva i ragazzi e insieme tra loro. Un modo per superare il problema dell’isolamento, facendo sviluppare una mentalità di squadra che parte da collaborazione e inclusione. Tutto questo parte anche dalle nostre società, le asd, che io ritengo essere dei presidi del territorio, dei punti di riferimento”.

Da Sporteams. Le notizie della settimana 28-31 ottobre.

La programmazione gare della LND è gestita da Sporteams e sul tema degli eSports è intervenuto anche Luca Bassilichi.

“Dobbiamo cogliere l’occasione di inserire gli eSports all’’nterno delle asd che fanno capo alla LND – si legge nel comunicato stampa di Sporteams del 28 ottobre – Si tratta di un modo per andare incontro ad una necessità dei Millenials, coloro che frequentano le asd, tenendo conto di quei valori centrali quali inclusione, educazione al gioco, superamento delle barriere di genere. Con questa base di valori il videogioco diventa un’occasione per ricostruire le relazioni sociali tra i coetanei ma anche con gli stessi genitori e non un momento di solitudine”.

Leggi tutta la nota

Come ogni lunedì il consulente Fabio Zucconi dispensa consigli utili per le associazioni sportive in ambito finanziario. In questo caso si focalizza su ciò che riguarda gli acquisti di beni o servizi da un fornitore estero

“La normativa che disciplina gli aspetti fiscali delle transazioni sovrannazionali è particolarmente complicata e farraginosa – spiega Zucconi – Questa rende le transazioni delle società sportive con fornitori o clienti internazionali meno conveniente rispetto a quella con una controparte nazionale e particolarmente complessa con riferimento agli adempimenti richiesti”.

Dopo questa introduzione l’esperto mostra gli adempimenti da svolgere che definisce  “particolarmente gravosi” e le alternative nel caso tale acquisto sia destinato esclusivamente all’attività istituzionale.

“Una soluzione alternativa consiste nel delegare l’acquisto ad una persona fisica (residente in Italia) che successivamente rivenda il bene alla società sportiva” conclude Zucconi.

Leggi l’articolo completo

Questa settimana è stato intervistato da Sporteams Piero Balleggi, presidente di una delle società sportive che maggiormente si sta aprendo al digitale, lo Sporting Arno

Balleggi ha parlato degli obiettivi della società che spera di migliorare ancora il settore giovanile e poter far crescere i ragazzi facendo raggiungere loro categorie sempre più importanti. Si è concentrato sui numeri della propria asd che ha circa 300 associati. Ha parlato anche dell’intenzione di rinnovare l’impianto.

Parole di elogio anche per l’app di Sporteams e in generale sulla tecnologia nello sport. “Sporteams? Ne ho sentito parlare molto bene dai nostri collaboratori. Dal mio punto di vista sono molto d’accordo sull’utilizzo della tecnologia”.

Nessun dubbio da parte sua sull’impiego del digitale. “Il miglioramento più significativo negli anni è stato proprio l’introduzione tecnologia. Già difficile così, figuriamoci senza la tecnologia”.

Leggi l’intervista completa

Intervento Cosimo Sibilia presso il workshop "Educare giocando" sugli eSports

Paolo Mangini (CRT): “Un progetto che intercetta le esigenze di oggi”. Luca Bassilichi (Sporteams): “Un corretto uso degli eSports per ricostruire le relazioni sociali”.

Parte da Coverciano con il workshop “Educare giocando” il Road Show 2k20, organizzato dalla Lega Nazionale Dilettanti. Un tour per l’Italia dedicato agli eSports.

Dal corretto uso alla grande capacità inclusiva – possono giocarci e divertirsi anche le persone con disabilità – passando per la promozione di quei valori etici che sono alla base del calcio, soprattutto giovanile.

Questi alcuni dei temi trattati nella conferenza di oggi. Interventi del presidente LND Cosimo Sibilia, Paolo Mangini presidente comitato regionale Toscana, Davide Leonardi presidente e fondatore di Insuperabili Onlus, Don Patrizio Coppola fondatore dell’università del videogioco IUDAV, Aldo Grauso psicologo dello sport. Presenti anche due consiglieri nazionali della FIGC Francesco Franchi e Stella Frascà.

Queste le riflessioni di Cosimo Sibilia. “La LND non svolge solo un ruolo calcistico ma anche un ruolo culturale, sociale. Come dico sempre ai miei collaboratori: abbiamo la necessità di essere vigili e puntuali rispetto alle richieste del territorio. Anche la Nazionale può ottenere dei risultati partendo dai giovani. Siamo contenti di quanto stiamo facendo. Abbiamo circa 60 mila squadre, 13 società, più di un milione di tesserati, organizziamo oltre cinquecento mila partite l’anno. Tutto questo è possibile anche grazie ai volontari. Quest’anno abbiamo anche il Palermo che riparte dal dilettantismo, come pochi anni fa è successo al Parma e che si è rilanciato. Siamo il calcio di base, l’altra metà rispetto al professionismo. Il calcio femminile esiste grazie alla LND: ora c’è una divisione del calcio femminile. Ora E-sport: una nuova scommessa che possiamo portare avanti perché siamo sani dal punto di vista finanziario”.

Sono tante e importanti le novità lanciate da Sporteams.

Spazio dunque a Paolo Mangini. “Siamo soddisfatti che questo progetto parta da Coverciano e in generale dalla Toscana. Credo che questo progetto vada a intercettare le esigenze dei ragazzi di oggi. Un progetto che mette insieme ragazzi e competizioni. Come LND abbiamo circa 700 mila ragazzi tesserati dei settori giovanili e scolastici e molti di questi giocano. È importante questo progetto perché permette di far giocare in maniera inclusiva i ragazzi e insieme tra loro. Un modo per superare il problema dell’isolamento, facendo sviluppare una mentalità di squadra che parte da collaborazione e inclusione. Tutto questo parte anche dalle nostre società, le asd, che io ritengo essere dei presidi del territorio, dei punti di riferimento”.

La Lega Nazionale Dilettanti ha compiuto 60 anni ieri ed è chiamata, anche grazie a queste aperture verso gli eSports ma in generale verso la tecnologia, a ricoprire un ruolo decisivo per un movimento calcio intenzionato a tornare grande.

Per la Lega Nazionale Dilettanti della Toscana la start-up Sporteams gestisce la programmazione gare. Questo il commento di Luca Bassilichi: “Dobbiamo cogliere l’occasione di inserire gli eSport all’interno delle asd che fanno capo alla LND. Si tratta di un modo per andare incontro ad una necessità dei Millenials, coloro che frequentano le asd, tenendo conto di quei valori centrali quali inclusione, educazione al gioco, superamento delle barriere di genere. Con questa base di valori il videogioco diventa un’occasione per ricostruire le relazioni sociali tra i coetanei ma anche con gli stessi genitori e non un momento di solitudine”.

C’è sempre stata una collaborazione fattiva tra Sporteams e la LND.