Articoli

Tracking4Fun, calcio e tecnologia

La tecnologia sta diventando indispensabile per lo sport.

A partire dal calcio, Sporteams e Tracking 4 Fun hanno lanciato una sperimentazione con il Belmonte.

Calcio e tecnologia insieme. In un articolo del 5 ottobre su La Nazione si parla della sperimentazione che coinvolgerà il Belmonte (per approfondire). Questo un estratto.

“Calcio e tecnologia sono oramai un binomio destinato ad essere sempre più stretto, soprattutto dalle parti del Pazzagli”.

“L’accordo è tra Sporteams e Tracking 4 Fun e coinvolgerà il Belmonte (per approfondire) come società sportiva in cui avverrà la sperimentazione sui giocatori per adesso solo della Prima Squadra”.

Leggi anche l’intervista di Lorenzo Cianfanelli di T4F

Strumenti sofisticati permetteranno di rilevare la posizione in campo degli atleti. “I dati rilevati consentiranno allo staff di migliorare gli allenamenti, di correggere schemi e di monitorare la crescita dei giocatori”.

“Il Belmonte ha in uso anche il software gestionale di Sporteams che permette tra l’altro di gestire convocazioni, archiviare certificati medici e dati dei tesserati nel database, gestire programmazione gare (in collaborazione con la Figc-LND Toscana)”.

Il Belmonte è stato la prima società sportiva ad adottare Sporteams.

Intervista Luca Bassilichi a OK! Mugello: digitale, sport ed economia i temi trattati

Digitale, sport ed economia, parla Luca Bassilichi: “Il dilettantismo è un gigante dormiente”.

OK! Mugello, giornale locale, ha intervistato l’ideatore di Sporteams, Luca Bassilichi. Riflessioni a tutto tondo su digitale, sport ed economia. Questi alcuni passaggi.

“Ormai il digitale è una rivoluzione copernicana che abbraccia tutti i settori. Adesso tutti, dai cittadini alle istituzioni passando per le aziende, devono essere consapevoli del digitale, nei suoi aspetti positivi e negativi”.

“Sporteams? Nasce dall’idea di applicare la smaterializzazione dei processi gestionali e dalla necessità di profilare l’utenza a quello che per noi è un gigante dormiente, lo sport dilettantistico, giovanile o scolastico che nulla ha a che fare con quello professionale. Ci siamo resi conto che tutte le associazioni sportive dilettantistiche avevano problemi nel rapportarsi con le proprie Federazioni per aspetti rilevanti come pagamenti o assicurazioni e con gli utenti. Adesso i genitori possono gestire le convocazioni e dunque il proprio tempo, sapere dove andare e quando con la georeferenziazione. Quello nelle asd è un volontariato ma un volontariato che deve sempre diventare informato e consapevole. Per un certificato medico, che non è sicuro e consuma carta, per esempio adesso c’è il digitale con Sporteams”.

Leggi anche l’intervista di Luca Bassilichi a Radio Bruno.

“Da qui anche la prevenzione degli infortuni, non nei professionisti ma nei dilettanti. Buone pratiche che partono dallo sport e arrivano alle buone pratiche alimentari e alla prevenzione. Inoltre su un aspetto determinante come la cyber-sicurezza siamo davvero attenti perché trattiamo temi dedicati. Questo nell’ottica di ricreare intorno allo sport dilettantistico una filiera corta”.

Intervista a cura di Saverio Zeni (per approfondire).

Luca Bassilichi, intervento Wow Festival su promozione sportiva

Grande attenzione al Wow Festival per la promozione sportiva.

Appuntamento molto atteso del Wow Festival è stato il convegno “La promozione sportiva per la crescita dei giovani: tra riforme, attese e speranze”. È intervenuto anche Luca Bassilichi.

Riforma dello sport, terzo settore, enti e federazioni, sport e salute, asd: questi alcuni dei temi trattati grazie alla presenza di alcuni tra i più importanti enti di promozione sportiva.

Hanno partecipato il Presidente nazionale del Csi Vittorio Bosio, il presidente del Csi Milano, Massimo Achini, Ciro Bisogno, Presidente nazionale PGS; Vincenzo Manco, Presidente nazionale UISP e Damiano Lembo, Presidente nazionale US ACLI.

Dopo i saluti di Mons. Raimondi e di Fabio Lunghi, presidente della Camera di Commercio di Varese, parola all’ideatore di Sporteams Luca Bassilichi. “Un ringraziamento al CSI perché ci ha dato l’opportunità di lavorare ad un progetto importante – esordisce l’imprenditore fiorentino – portare l’innovazione digitale nelle associazioni sportive. Le associazioni pur essendo no profit oramai non hanno niente che le differenzi dalle società (o aziende) convenzionali. I vecchi sistemi di gestione devono essere superati. È il momento migliore per considerare la tecnologia come il migliore alleato e possiamo farlo grazie alla mediazione del CSI”.

Inizia il dibattito. Il primo a prendere la parola è Vincenzo Manco, Presidente UISP: “Ringrazio il CSI per questo invito. Questo è il momento giusto per confrontarci su queste tematiche, vista la legge delega di agosto. Sicuramente i 4 enti presenti oggi lavoreranno in maniera congiunta per trovare la migliore soluzione per tutti, perché dobbiamo decidere da che parte stare a prescindere dalle federazioni. Oggi alcuni enti di promozione sportiva non hanno più motivo di esistere perché è chiaro che sul registro CONI ci sono Enti che caricano dati legati ad associazioni di secondo livello e noi siamo quelli che per onestà siamo puniti. Per esaltare al meglio la nostra azione quotidiana dobbiamo riaffermare il nostro ruolo di promotori sociali”.

Il presidente US Acli, Damiano Lembo, ha proseguito così: “Questa è una fase di cambiamento che dobbiamo riuscire ad affrontare. Dobbiamo lavorare insieme affinché la riforma del terzo settore, la riforma di sport e salute sia guidata dagli enti. È arrivato il momento di far valere la lunga storia di questi 4 enti che da sempre puntano alla promozione sociale quindi deve essere forte la volontà di lavorare insieme e l’unità di vedute ci può aiutare ad affrontare questa situazione al momento ancora incerta. Come enti di promozione dobbiamo continuare ad avere quella funzione sociale ed educativa per i giovani”.

“L’essere costantemente a contatto con il territorio e le persone in primis contraddistinguono l’operato dei nostri enti – ha spiegato Ciro Bisogno, Presidente PGS – Non abbiamo una definizione precisa di sport nella carta costituzionale ed è strano, tutto questo genera incertezza. Bisognerebbe dare allo sport una rilevanza costituzionale. Stiamo puntando molto sulla formazione e lo scontro con il CONI arriva nella parte tecnica. Vediamo se con il nuovo ministro si riusciranno a mediare le tante situazioni problematiche che si sono delineate negli ultimi anni. Dobbiamo essere autocritici e pensare al futuro per lasciare un’eredità associativa ai giovani. La promozione sportiva in Italia avrà un futuro solo se riusciremo a ritagliarci un ruolo”.

“Gran parte di quello che è scritto nella riforma è condivisibile. Ci siamo però fermati sul più bello, perché finora non si è mai fatto riferimento alle società sportive. La promozione sportiva vera è propria infatti, viene ancora fatta nelle società sportive di base e negli oratori, ma piano piano sta scomparendo. Oggi abbiamo la possibilità di intervenire e cercare di risollevarci ma il tempo è poco. L’augurio è che i nostri comitati continuino a fare ciò che gli è stato chiesto 75 anni fa e cioè promuovere lo sport per i giovani” ha concluso Presidente nazionale del CSI Vittorio Bosio.

Fonte: CSI.

sport emergenti, evento Wow Festival Busto Arsizio

Wow Festival, Luca Bassilichi: “Lavoriamo per superare i vecchi sistemi di gestione delle società sportive dilettantistiche”.

Al Wow Festival di Busto Arsizio ha partecipato anche la start-up fiorentina Sporteams. Il Wow Festival è stato il primo evento organizzato dal CSI (Centro Sportivo Italiano) interamente dedicato agli sport emergenti.

Un’occasione per far conoscere una galassia di sport. Questi, seppur meno noti, riscuotono un crescente interesse nel pubblico e per far incontrare chi opera nel settore dello sport dilettantistico e giovanile.

Sabato è intervenuto anche Luca Bassilichi durante il convegno La promozione sportiva per la crescita dei giovani: tra riforme, attese e speranze” (per approfondire). 

“Un ringraziamento al CSI perché ci ha dato l’opportunità di lavorare ad un progetto importante – dichiara l’imprenditore fiorentino – portare l’innovazione digitale nelle associazioni sportive. Le associazioni pur essendo no profit oramai non hanno niente che le differenzi dalle società (o aziende) convenzionali. I vecchi sistemi di gestione devono essere superati. È il momento migliore per considerare la tecnologia come il migliore alleato e possiamo farlo  grazie alla mediazione del CSI”. 

Dopo un passaggio dedicato alle riforme che hanno investito il settore negli ultimi anni Bassilichi ha proseguito: “Con l’innovazione tecnologica si riesce a profilare l’utenza e a capire giorno dopo giorno il rapporto tra Ente di Promozione Sportiva, ASD e tesserati”.

“È il momento migliore per considerare la tecnologia come il migliore alleato e possiamo farlo grazie alla mediazione del CSI”

“Dunque – conclude – sul territorio, permette di creare un’economia glocal, una filiera corta intorno alle Asd in modo da innestare attorno alle buone pratiche sportive, buone pratiche alimentari”.

Nata dall’esperienza di Luca Bassilichi come dirigente di una Asd, Sporteams ha sviluppato un innovativo software gestionale per le società sportive dilettantistiche.

L’App Sporteams permette di digitalizzare tutti quei processi che prima erano gestiti con procedure lente e obsolete. Dalle convocazioni ai certificati medici, dalla programmazione gare (in collaborazione con la LND Toscana) alla georeferenziazione dei campi durante le trasferte, fino ai pagamenti di iscrizioni e attrezzature.

Un risparmio di risorse per le società e di tempo per genitori e atleti. Il tutto con una maggiore sicurezza nella conservazione dei dati, al giorno d’oggi diventata indispensabile.

sport emergenti, evento Wow Festival Busto Arsizio

Anche la start-up Sporteams al Wow Festival, il primo raduno dedicato alle discipline sportive emergenti.

Sabato 28 alle 16:00 interverrà l’ideatore di Sporteams. Bassilichi: “Un evento che dimostra l’attenzione agli sport emergenti”.

Dal 27 al 29 settembre 2019, presso il centro espositivo polifunzionale MalpensaFiere (Busto Arsizio) si terrà Wow Festival (per approfondire), la prima edizione di un appuntamento interamente dedicato agli sport emergenti. A organizzarlo il CSI (Centro Sportivo Italiano).

Sporteams, startup innovativa fiorentina, dopo la collaborazione con il Centro Sportivo Italiano in occasione del progetto europeo W4AL (per approfondire), ha sviluppato il sito web dedicato all’evento.

Si tratta di un’occasione per conoscere, approfondire e interpretare alcuni fenomeni, tra gioco, sport e divertimento. Verranno trattati temi legati allo sport dilettantistico e ai nuovi fenomeni di massa, tra innovazione, nuove forme di comunicazione e le norme giuridiche e fiscali per la gestione delle Associazioni Sportive.

Un’altra conferma dell’impegno portato avanti dal CSI e da Sporteams nella promozione sportiva, dei suoi valori e nello sviluppo dell’intero movimento sportivo dilettantistico e giovanile.

Sabato dalle ore 16:00 alle 18:00 presso la sala Borghi parlerà l’ideatore di Sporteams Luca Bassilichi. La sua riflessione si svilupperà intorno alla centralità dello sport nella crescita dei giovani, con uno sguardo anche alle riforme che negli anni hanno investito il settore delle associazioni sportive dilettantistiche.

Questo il suo commento sull’iniziativa:“Gli sport emergenti – dichiara l’imprenditore fiorentino – sono un fenomeno in costante crescita determinato dai cambi nelle abitudini quotidiane che ognuno di noi vive e meritano una crescente attenzione come questo appuntamento dimostra”.

LND, programmazione gare

L’introduzione di Sporteams ha portato alla semplificazione dei processi sportivi per le società e la sperimentazione avviata in Toscana è stata positiva. La nuova stagione parte con una grafica migliorata.

Design grafico moderno, ispirato a Material di Google, software multidevice che si adatta perfettamente a smartphone, tablet e pc e multipiattaforma perché compatibile con web, Ios e Android. Queste alcune caratteristiche della nuova versione della programmazione gare di Sporteams.

Sporteams consente di conoscere esattamente: data, orario e campo delle partite in casa. Si tratta di un sistema estremamente affidabile perché le sue caratteristiche permettono di rispettare le regole disposte dalla Federazione per le gare. Se queste regole vengono bypassate, passano sotto giro autorizzativo da parte della società ospitante e della Federazione che dovrà poi ratificare.

Il software di programmazione gare sviluppato da Sporteams è partito il 23 ottobre 2018 in sperimentazione sulla Toscana (per approfondire). Adesso ha raggiunto un grado di affinamento tale da poter essere adottato anche altrove. L’applicativo permette infatti di adattarsi a qualsiasi altra struttura facente capo alla FIGC.

Oggi lo utilizzano il Comitato Regionale, le delegazioni provinciali, le società e gli arbitri. Per le società oltre alla programmazione è previsto anche il caricamento dei referti quando non c’è l’arbitro, quando è presente provvede il direttore di gara a tutto. Gli utilizzatori sono 1400 arbitri e più di 800 società. Si tratta inoltre dell’unico mezzo della LND autorizzato a gestire questo processo.

Sporteams, intervento Radio Bruno 13.09.2019

Radio Bruno, Bassilichi: “Sporteams per aiutare società e famiglie a gestire meglio tempo e risorse”

Durante il seguitissimo appuntamento del Pentasport, Luca Bassilichi è stato intervistato per conoscere meglio Sporteams.

Luca Bassilichi, ideatore di Sporteams, è intervenuto a Radio Bruno durante il Pentasport: “Da cosa nasce Sporteams? Abbiamo cercato di immaginare come le società e le scuole calcio potessero entrare nel digitale. Con la LND abbiamo progettato un sistema di gestione referti che permettesse di eliminare gli errori. Da lì dunque il passaggio ad un prodotto pensato anche per le ASD. Il nostro scopo è aiutare società e famiglie a gestire proprio tempo e le risorse: stato salute dei giocatori, allenamenti, trasferte, campo di gioco. Le società sportive rimangono uno dei pochi punti di riferimento per la comunità e, con una gestione professionale, possibile grazie al digitale, possono continuare ad esserlo. Referto arbitrale digitalizzato elimina gli errori? Si tratta di qualcosa di estremamente importante, bisogna essere molto precisi. C’è la necessità di avere in tempo reale informazioni certificate: risultato, marcatori, ammoniti, distinguendo il ruolo sovrano degli arbitri e della commissione arbitrale”.

Leggi l’intervista di Luca Bassilichi a OK! Mugello.

Radio Bruno è la radio leader tra le emittenti che seguono il mondo sportivo. Come confermano i dati, per il quinto anno consecutivo, mantiene la testa della classifica delle emittenti incentrate sulla Fiorentina: negli ascolti ufficiali, nell’ora media del primo semestre 2019 tocca quota 96.000.

Sonia Martini, start-up consulente

start-up, sonia martini: “queste aziende hanno bisogno di uno specialista per orientarsi nella normativa. Sporteams…”

Sonia Martini, avvocato, specializzata in consulenza per aziende ha parlato dei problemi delle start-up a Sporteams. Sonia opera in un settore particolare, quello della contrattualistica, nel quale prende dimestichezza fin dall’apprendistato. Queste le sue riflessioni.

Come fa un’azienda giovane a orientarsi nella normativa? “Per orientarsi in una normativa c’è senz’altro la necessità di avvalersi di consulenti specializzati. A maggior ragione se si parla di aziende giovani e con poca esperienza di impresa. Del resto le start-up sono, in ogni caso, costituite con forma societaria e quindi è fondamentale conoscere le disposizioni che le regolano. Se poi invece i gestori della compagine hanno molta esperienza in ambito aziendale, come nel caso di Luca Bassilichi (per approfondire), è tutto molto più semplice perchè le dinamiche e le logice di impresa gli sono già ben note. Luca? L’ho conosciuto solo al momento della costituzione della start-up e mi è subito sembrato un imprenditore molto esperto e una persona molto in gamba”.

Una panoramica del settore delle start-up? “Le start-up innovative sono una grande opportunità che può addirittura influenzare la crescita economica del Paese. Infatti nuove attività, vuol dire creazione di posti di lavoro e di reddito; per questo l’Italia ha predisposto una serie di agevolazioni giuridiche e fiscali finalizzate alla creazione delle nuove società”.

Quindi serve uno specialista? “Con una consulenza specifica che parte da quando il potenziale imprenditore ha l’idea, l’opportunità può essere colta. Dico questo perché molto spesso non è come con Sporteams: di solito quando si tratta di start-up (per approfondire) innovative ci si trova a parlare di impresa con persone che non hanno esperienza in questo settore e che, probabilmente, fino a quel momento sono state impegnate in attività di altro tipo oppure sono giovani che per districarsi in questa materia hanno bisogno dei consigli di un esperto. Del resto la nuova società, dopo la sua costituzione, deve iniziare ad operare e deve lanciarsi in un mercato in cui anche gli investitori sono esperti del settore e cercano di tutelare il più possibile il loro capitale; proprio per questo aver predisposto uno statuto in maniera “personalizzata”, aver fatto scelte societarie giuridicamente corrette e aver creato, se necessario, una contrattualistica adeguata, può fare la differenza”.

Dopo la costituzione cosa offrite loro? “Dopo essere stata creata la start-up può andare incontro a diversi tipi di necessità. Si va, come in ogni altra società, dalle problematiche societarie, alle necessità contrattuali ai recuperi credito e così via. Se poi l’impresa decide di raccogliere fondi con l’equity crowfunding oppure, ad esempio di fare operazioni su proprie quote l’intervento di un consulente preparato diviene veramente indispensabile”.

Di Sporteams cosa ti ha colpito? “Sporteams è una start up che può senz’altro avere successo perché la compagine sociale è dinamica ed esperta e perchè il progetto è facilmente scalabile. Inoltre è stata costituita con atto pubblico e lo statuto redatto contiene accorgimenti che la rendono senz’altro appetibile al popolo degli investitori…. ma non è solo questo. Per fare impresa in Italia oggi ci vuole veramente tanto cuore e tantissimo coraggio,  e queste doti Sporteams le ha tutte”.

Wordpress Meetup Firenze

WordPress Meetup Firenze organizza un evento presso la sede di Sporteams.

HT Value e Sporteams sono lieti di ospitare WordPress Meetup Firenze mercoledì 18 settembre dalle ore 18:00 alle 20:00 presso la sede di via Vacciano 25 a Bagno a Ripoli. Durante l’evento saranno trattati i temi dell’e-commerce e dell’hosting.

Il WordPress Meetup Firenze è un evento periodico dedicato a tutti coloro che utilizzano la celebre piattaforma.

Si tratta di un’occasione importante per condividere con la comunità di WordPress le nostre conoscenze digitali. HT Value si occupa di consulenza in marketing 4.0 per le pmi, mentre la start-up Sporteams ha sviluppato un software per digitalizzare i processi gestionali delle società sportive.

Dietro questi progetti c’è Luca Bassilichi, imprenditore concretamente visionario con una solida esperienza alle spalle.

Un ringraziamento dunque a Saverio Zeni (per approfondire), coordinatore dell’evento e responsabile editoriale di OK! Mugello, con il quale Sporteams ha avviato una proficua collaborazione basata sulla comunicazione territoriale e lo sport, per l’opportunità di fare networking.

Insieme al WordPress MeetUp Firenze Sporteams organizza un evento sulla digitalizzazione.

Gabriele Chiocchetti

Gabriele Chiocchetti: “Sporteams progetto ambizioso. Il concetto di business plan è superato per ogni azienda. Le start-up? Devono avere un modello finanziario flessibile”.

Gabriele Chiocchetti, socio di Sporteams e di Mercurio, azienda specializzata nella pianificazione finanziaria per le aziende.

Queste le sue parole a Sporteams.

Cosa ne pensi di Sporteams? Cosa ti ha convinto di questa start-up? “Secondo me è un progetto molto ambizioso ma molto valido (per approfondire). Con grandi possibilità di scalare, anche in fretta, un mercato che ha bisogno di un servizio del genere. Questo anche perché i soci sono in grado di attrarre personalità di alto livello e quindi definire di volta in volta il business”.

Di che cosa si occupa la Mercurio? “La Mercurio si occupa di seguire le start-up dal punto di vista finanziario, di definire il bisogno che hanno di finanziamento, monitorare costi ed entrate, di fare delle previsioni di carattere economico e finanziario. In generale di gestire in maniera efficiente l’azienda in modo da renderla attraente per gli investitori”.

Quali sono le richieste delle start-up? “Necessità di concentrarsi sul core business, sulla parte commerciale e tecnica demandando a dei professionisti quella finanziaria. avendo sempre l’esigenza di monitorare costantemente fabbisogni e impieghi del capitale disponibile”.

A quali criticità dal punto di vista finanziario vanno incontro? “Le start-up (per approfondire) hanno costantemente bisogno di denaro fresco. Per definizione una start-up è un’azienda che deve ancora farsi un mercato. Molto spesso non è in break even o quando lo è non ha dei flussi di cassa sufficienti a coprire i costi”.

Che cosa avete fatto nello specifico per Sporteams? “Abbiamo sviluppato un sistema di pianificazione economico-finanziaria, un sistema di tipo rolling, non rigido ma flessibile. Non è un business plan ma un sistema flessibile che costantemente viene aggiornato con le nuove previsioni e con i dati consuntivi. Ogni mese quando vengono inseriti i dati relativi a costi, ricavi, finanziamenti etc ricalcola il piano a quattro e anni e fornisce i dati previsionali. Noi riteniamo che il concetto di business plan sia superato per ogni azienda ma soprattutto per le start-up. Le start-up non devono avere un business plan ma devono avere un modello finanziario flessibile che si adatta alle esigenze dell’azienda e alle condizioni del mercato”.

Un caso di successo? “Un’altra start-up sempre nell’IT che si occupa di mappe digitali. Per questa abbiamo sviluppato un modello che oltre a fare ciò che avevamo previsto per Sporteams, visto che loro fanno ampio uso del CRM, abbiamo fatto un sistema che è agganciato al loro CRM e aggiorna in automatico le previsioni fino a quattro anni prendendo i dati dell’attività commerciale”.