fbpx

Digital Transformation

App per allenatori di calcio
Digitalizzazione

App per allenatori di calcio, la nuova frontiera digitale

Una App per allenatori di calcio può davvero fare la differenza per le società e le associazioni sportive?   In questo articolo cercheremo di spiegare cosa sono, a cosa servono e come funzionano le soluzioni sportech e perché la trasformazione digitale (o digital transformation, in inglese) può fornire un grande contributo per lo sport più popolare del nostro paese: il calcio.  Approfondiamo insieme!  Perché una App per allenatori di calcio è utile   Il calcio, come noto, rappresenta lo sport più diffuso in Italia (e per di più, accanto a quello maschile, anche il calcio femminile sta ormai crescendo a ritmi sostenuti). Secondo quanto riportato all’interno della quinta edizione del Bilancio Integrato della FGIC – alla fine del 2019 – i numeri del calcio sono decisamente rilevanti:  4,6 milioni di praticanti 1,4 milioni di tesserati  oltre 570.000 partite ufficiali disputate ogni anno (una ogni 55 secondi) – di cui il 99% di livello dilettantistico e giovanile.  Tuttavia, specialmente dopo la crisi pandemica e l’emergenza Covid-19 – che ha costretto molti atleti e molte atlete a uno tipo forzato delle attività –, anche il settore sportivo dovrà rimodellare e ripensare il modello organizzativo sul quale si è fondato finora. In sostanza, sarà necessario rivedere modi, metodi e procedure che, impiegati per molto tempo, non sempre hanno garantito efficienza, sostenibilità e sicurezza e spesso, al contrario, hanno rallentato e complicato la pratica sportiva. La digitalizzazione, già essenziale in molte delle attività quotidiane che ci riguardano in prima persona, può essere la chiave giusta per determinare quel “salto di qualità” che negli anni precedenti, soprattutto a livello dilettantistico e giovanile, è decisamente mancato.  In questo contesto, un’applicazione per allenatori di calcio può consentire di gestire la propria squadra a 360°. Basti pensare alla possibilità di programmare gli allenamenti durante la settimana, tenere informati i giocatori e le giocatrici sulle ultime novità, tenere sotto controllo l’andamento della squadra e delle disponibilità, effettuare le convocazioni e gestire tutte le attività del pre-partita con pochi clic; senza problemi, errori e ritardi. Leggi anche:Come gestire una società sportiva dilettantistica   App allenatori calcio, ecco Sporteams Club   Sporteams è nata nel 2018, a Firenze, e – un passo alla volta – sta cercando di dare il proprio contributo al settore accelerando e supportando la digital transformation. Nella nostra suite di prodotti, proprio per dare a ciascun membro delle società e delle associazioni sportive la possibilità di usufruire dei benefici della digitalizzazione, abbiamo sviluppato alcuni prodotti innovativi. E uno di questi è Sporteams Club.  Sporteams Club consiste nell’evoluzione di un software gestionale sportivo in una piattaforma online per la società e le associazioni sportive che, allo stesso tempo, si articola in molteplici profili disponibili per ogni tipo di figura presente all’interno della società (compresi gli allenatori di calcio, naturalmente). Più nel dettaglio, Sporteams Club è un’applicazione innovativa che abbiamo creato e perfezionato con un duplice obiettivo: dematerializzare la documentazione di cui ASD e SSD hanno bisogno – anche in un’ottica di sostenibilità ambientale – e dare la possibilità a tutti gli utenti di semplificare le attività che li riguardano. In questo senso, Sporteams Club è anche un’applicazione per allenatori di calcio che consente (durante gli allenamenti, le riunioni e le partite) di programmare, gestire e controllare la squadra in modo semplice e intuitivo, risparmiando tempo prezioso (il tempo è sempre prezioso!) e rendendo più efficienti tutte le fasi operative.    I vantaggi di Sporteams Club   La piattaforma collega l’intera comunità sportiva (staff dirigenziale, staff tecnico, atleti, famiglie, tifosi, tesserati e non) attraverso qualsiasi dispositivo e sistema operativo, migliorando l’interazione e il coordinamento interno tra i singoli soggetti interessati. Gestione efficiente delle attività amministrative Controllo capillare degli adempimenti burocratici  Comunicazioni più rapide tra ASD/SSD e utenti registrati Consultazione di avvisi, news, informazioni e documenti Possibilità di programmare allenamenti, sedute, riunioni Conformità al GDPR per garantire la sicurezza dei dati Per concludere, occorre tornare a sottolineare che digitalizzare e velocizzare le attività sportive – con uno smartphone in mano! – può portare rilevanti vantaggi alle ASD e alle SSD. All’interno del più ampio processo di trasformazione digitale, poi, un’app per allenatori di calcio garantisce un grande vantaggio per i “coach”: rende più semplice ciò che, per ragioni differenti, è sempre stato complesso. Il che, a ben guardare, rappresenta il cuore della rivoluzione sportiva che nei prossimi anni è destinata a guidarci verso lo sport 4.0.  Leggi anche:Gestione società sportive: “Sporteams? Servizi molto utili”   Se sei interessato a un’app per allenatori calcio, scopri di più su di noi, sul nostro progetto imprenditoriale e sulle soluzioni sportech della nostra suite di prodotti.CONTATTACI  

LEGGI TUTTO
ASD e SSD
Digitalizzazione

Gestisci la contabilità della tua ASD e SSD con GeCo!

Essere oggi un’associazione sportiva o una società sportiva dilettantistica è molto complesso: è necessario poter fare affidamento su un solido reparto amministrativo e assicurarsi che tutto funzioni alla perfezione. Spesso però parliamo di realtà piccole che non hanno a disposizione tantissimo personale. Quindi per far fronte agli specifici obblighi contabili, previsti dalle diverse normative, è doveroso far ricorso a un software gestionale di contabilità per ASD e SSD in grado di semplificare le procedure, di alleggerire la mole di lavoro e il carico burocratico. L’importanza di gestire al meglio la contabilità per ASD e SSD Quali vantaggi deve portare un buon programma per la gestione della contabilità alle associazioni sportive dilettantistiche e alle società sportive? Sicuramente risparmio di tempo, abbattimento dei costi e semplificazione delle procedure organizzative. Un software per la contabilità infatti deve fornire un aiuto concreto all’amministratore che potrà occuparsi in modo rapido e sicuro di tutti gli adempimenti amministrativi, lavorando più rapidamente e riducendo i tempi. Inoltre, deve poter offrire una visione più chiara e un controllo migliore sui dati, con una semplificazione e uno snellimento delle procedure contabili e fiscali. Infine, fondamentale soprattutto oggi, un software deve essere in grado di analizzare e monitorare la gestione contabile e amministrativa delle ASD e SSD, nonché di mettere a disposizione report dettagliati sulle attività. ➞  Scopri di più sul nostro Equity Crowdfunding  GeCo, l’App di contabilità per lo sport dilettantistico Con l’obiettivo di supportare ASD e SSD nel processo di digitalizzazione, Sporteams ha realizzato, in collaborazione con un team di esperti in materia fiscale e contabile con particolare riferimento alle associazioni e alle società sportive dilettantistiche, capitanati da Fabio Zucconi, consulente del Comitato Regionale Emilia Romagna della FIGC-LND, il software di contabilità GeCo. GeCo consente di migliorare, velocizzare e ottimizzare tutte le operazioni con la massima autonomia organizzativa e permette ad ASD e SSD che adottano il regime fiscale agevolato previsto dalla legge 398/1991 di digitalizzare le attività contabili e amministrative.  In un periodo come questo, segnato dall’emergenza sanitaria e dallo stop prolungato delle attività dilettantistiche, aprirsi al cambiamento e sfruttare i benefici della digitalizzazione può fare la differenza. Con GeCo è possibile: – inserire i dati personali di chiunque abbia rapporti economici con l’ASD o la SSD che  ne gestisce la licenza (o con il commercialista incaricato). Il software prevede tre tipi di profili: fornitore, cliente, percipiente. – organizzare in modo efficiente e sicuro tutto ciò che riguarda la fiscalità in uscita, tenendo sempre traccia delle attività e dei documenti più importanti, come i singoli movimenti in uscita, le fatture pagate o non ancora pagate, il calcolo del modello F24. – registrare tutto ciò che riguarda la fiscalità in entrata e avere sempre sotto controllo sia i movimenti generici sia le fatture da incassare o già incassate. Inoltre, permette di gestire gli introiti economici provenienti da attività di ristorazione o dall’ingresso presso gli impianti sportivi. – raccogliere facilmente tutte le informazioni sulla propria associazione o società sportiva: dati specifici, situazione fiscale pregressa (ovvero fino all’acquisto della licenza software), manifestazioni o raccolte fondi organizzate, conti utilizzati per i propri movimenti. – produrre report dettagliati utili per monitorare, analizzare e valutare la gestione contabile ed amministrativa delle ASD e SSD. In caso di un controllo o di un accertamento, in questo modo, si hanno sempre a disposizione le ricevute di rimborso e la documentazione necessaria. Inizia il percorso di digitalizzazione con Sporteams e contattaci per avere più informazioni sulla nostra suite di prodotti.

LEGGI TUTTO
sportech
Digitalizzazione

ASD-SSD, il settore sportech e le sue prospettive future

L’impatto del Coronavirus ha decisamente accelerato processi di transizione e trasformazione digitale già in atto da anni. Secondo i dati più recenti, più di 50 milioni di italiani usano internet regolarmente (oltre 1 milione si è connesso per la prima volta nel corso del 2020), tre su quattro utilizzano computer desktop o laptop e tra gli utenti che navigano in rete, in una fascia d’età che va dai 16 ai 64 anni, il 97% ha in tasca uno smartphone.  Una così profonda evoluzione dei comportamenti delle persone ha determinato (e determinerà ancora) la nascita di una nuova sensibilità nei confronti di dispositivi, strumenti e piattaforme digitali. In un contesto del genere, associazioni e società sportive dilettantistiche (ASD e SSD), e più in generale tutto il mondo dello sport dilettantistico, devono quindi riuscire a sfruttare i benefici della digital transformation per superare la crisi che le ha investite. Sportech e sport dilettantistico, una nuova prospettiva    Secondo il rapporto “Tutte le strade portano al digitale. Regole e investimenti per la ripresa economica in Italia e in Europa”, pubblicato alla fine del 2020 dell’Osservatorio dell’Istituto per la Competitività (I-Com), nel mondo post-Covid 19 sarà fondamentale “ripensare il proprio modo di interagire, comunicare, lavorare, imparare, fare business”. Per lo sport dilettantistico (a livello locale, regionale e nazionale) questo significa lasciarsi alle spalle alcuni ritardi nell’adozione e nell’applicazione delle nuove tecnologie e cogliere l’opportunità di aprirsi al cambiamento puntando sull’innovazione e sulla digitalizzazione. Tanto per il singolo atleta impegnato in allenamenti quotidiani quanto per il dirigente con maggiori responsabilità, le soluzioni sportech si stanno infatti rivelando efficaci ed efficienti.  A ben vedere, anzi, il legame tra sport, tecnologia e digitalizzazione è sempre più forte e rappresenta la base di (ri)partenza per l’intero settore sportivo non professionistico. ➞ Leggi anche Da comunità a community: come cambia lo sport dilettantistico Soluzioni sportech, i vantaggi per ASD e SSD    Le soluzioni sportech possono ottimizzare, dematerializzare e velocizzare i processi logistici, amministrativi e organizzativi delle associazioni e società sportive dilettantistiche. Questo comporta dei vantaggi sia per quanto riguarda le comunicazioni tra ASD/SSD e Federazioni sportive sia per quanto riguarda l’interazione tra dirigenti, allenatori, atleti, famiglie e tifosi all’interno delle stesse ASD/SSD. L’utilizzo di piattaforme digitali, software gestionali e WebApp, in particolare, consente di occuparsi senza difficoltà di tutti gli obblighi normativi, gestire in sicurezza la fiscalità (in entrata e in uscita)  e ridurre il carico burocratico complessivo. Non solo: può aiutare ASD e SSD a reperire risorse economiche con continuità (risorse indispensabili dopo lo stop prolungato per via dell’emergenza sanitaria!). Gli sponsor, infatti, saranno incentivati ad investire perché potranno promuovere i propri prodotti e i propri servizi direttamente all’interno degli spazi digitali delle associazioni e delle società sportive dilettantistiche, raggiungendo tutti gli utenti registrati e rivolgendosi a un pubblico più ampio. Lo sport dilettantistico dopo il Covid-19   Non in ultimo, le soluzioni sportech possono rivelarsi estremamente utili in tempi di Covid-19. Quando sarà possibile riprendere le attività sportive, infatti, bisognerà garantire il rispetto delle misure di sicurezza, evitare i contatti non necessari e limitare al massimo il rischio di contagio all’interno delle strutture sportive.  Occorreranno quindi strumenti digitali innovativi per semplificare le procedure di autocertificazione e di prenotazione dell’accesso agli impianti da parte di tesserati e non – ovviamente nel rispetto della privacy  e della cybersicurezza! – ma anche per monitorare in real time la situazione e disporre di dati, informazioni e statistiche sempre aggiornati. Sport dilettantistico, il progetto di Sporteams   Sporteams è una SaaS Company che produce e integra piattaforme multifunzionali per la gestione delle associazioni e delle società sportive dilettantistiche (ASD e SSD), piattaforme fondate sul concetto di API economy e capaci di digitalizzare integralmente tutti i processi delle comunità sportive. I principali prodotti della Suite Sporteams sono:  Sporteams Club Sporteams Match Sporteams GeCo Sporteams Access L’obiettivo è quello di supportare la trasformazione digitale nel settore dello sport dilettantistico e valorizzare la comunità sportiva italiana attraverso innovative soluzioni sportech. Per realizzare il nostro progetto imprenditoriale abbiamo deciso di lanciare una campagna di Equity Crowdfunding. Se vuoi saperne di più e ti interessa conoscere la nostra storia, qui trovi tutti i dettagli.

LEGGI TUTTO
Digitalizzazione

Da comunità a community: come cambia lo sport dilettantistico

Da un giorno all’altro è successo l’impensabile: una pandemia mondiale ha travolto le nostre vite e con questa sono venute meno le nostre abitudini, i nostri impegni, la nostra routine. Sono stati mesi difficili che abbiamo vissuto quasi immobilizzati sui divani nell’attesa di sapere quando ne saremmo usciti. Quei mesi si sono trasformati in un anno di incertezza, di zone gialle, arancioni e rosse, di apertura e chiusura dei locali e degli impianti sportivi. Un anno quasi sempre “onlife”. Un termine che ultimamente è diventato un po’ più familiare e che definisce una “realtà ibrida, un’esperienza, attività avuta o fatta tramite una costante connessione online”. Infatti, da marzo 2020 la nostra vita si è trasferita sui social media e in generale sul web.  Anche il più restio tra noi ha iniziato a fare la spesa online, a rimanere in contatto con amici e genitori tramite videochiamate, a festeggiare i compleanni su zoom, a fare call su google meet. Ci siamo abituati allo smart working, alle cene rigorosamente in casa, a fare lezioni in diretta streaming, ai webinar. E questo è diventato il nostro nuovo modo di vivere. Una normalità diversa che però non si esime da una riflessione: la pandemia ha accelerato un processo di digitalizzazione che doveva verificarsi molto prima. Un processo tutt’altro che reversibile e che si sta verificando in ogni settore: da quello bancario a quello manifatturiero, fino a quello medico (basti pensare alla telemedicina!). Anche il mondo dello sport, dopo un primo momento di sofferenza, sta cercando di ripartire e di riorganizzarsi, iniziando a investire proprio sulla digital transformation. Ma cosa significa essere onlife per le società e le associazioni sportive dilettantistiche (SSD e ASD), per i proprietari degli impianti sportivi, per gli allenatori, i dirigenti e gli atleti? La scarsa digitalizzazione delle associazioni e società sportive Tutti noi abbiamo ancora in mente l’immagine degli stadi vuoti. Le voci degli allenatori al fondo campo diventare nitide (non più sovrastate dai cori dei tifosi) e le lacrime degli atleti alla notizia delle Olimpiadi 2020 di Tokyo rimandate. In quel periodo così complesso, il mondo dello sport si è fermato anche per analizzare la propria capacità di innovazione. Ne è emersa una fragilità generalizzata nell’organizzazione di ASD, SSD e Federazioni Sportive dovuta alle scarse competenze nell’uso di strumenti digitali e gestionali, alle difficoltà a ottenere fondi sufficienti, ai problemi legati all’adempimento delle procedure contabili e normative e alla gestione della privacy policy. In Italia, solo le associazioni e le società sportive dilettantistiche sono 145.095; i praticanti sportivi (atleti più praticanti tesserati) 11.198.487, mentre 1.536.984 gli operatori sportivi (incluso i dirigenti, tecnici, ufficiali di gara ecc.) Un microcosmo che si autoalimenta e che, oggi più che mai, sta per compiere un vero atto di trasformazione digitale. Dalla comunità alla community: lo sport nel 2021 Non dimentichiamolo, lo sport è una passione condivisa da molte persone di tutte le età e a tutti i livelli: amatoriale, dilettantistico e agonistico. Dietro a ogni singola attività sportiva ci sono tantissime persone e organizzazioni che si muovono, anche spesso inosservati, per permetterci di praticare gli sport preferiti. Una vera comunità fatta da allenatori, proprietari di impianti sportivi, federazioni, società, atleti, tesserati e non. Una comunità che oggi ha bisogno di rinnovarsi e accettare le sfide del futuro. Soluzioni sempre più innovative stanno cambiando il nostro modo di fare sport e di essere sportivi; soluzioni che possono rendere più veloci, più sicure e più efficienti le nostre attività e che, in un periodo complesso come quello che stiamo vivendo, possono aiutare le aziende a sfruttare tutti i benefici della digital transformation. Sporteams e la digitalizzazione nello sport Il settore Sportech, e questo non sorprende, è cresciuto molto negli ultimi anni, arrivando a una valutazione di 8.9 miliardi di dollari (nel 2018 a livello internazionale), con una proiezione di oltre 30 miliardi di dollari entro il 2024 e un’aspettativa di crescita nel periodo pari al 20.63%. In questo (nuovo) contesto, la ripresa e il rilancio dello sport dilettantistico passano dall’innovazione digitale e dalla trasformazione tecnologica. In questi mesi abbiamo organizzato webinar per capire insieme come muoverci e superare gli ostacoli e abbiamo realizzato questionari per comprendere a che punto è la digitalizzazione nel settore sportivo dilettantistico. Ma soprattutto abbiamo trovato nuove soluzioni per aiutare le SSD e ASD ad affrontare i problemi legati alla Covid-19. Per esempio, il nostro progetto Sporteams Access ha vinto il bando COVID-19 in materia di “R&S per lo sviluppo di nuove tecnologie sostenibili, di nuovi prodotti e servizi”. L’app che abbiamo sviluppato contribuisce a ridurre il rischio del contagio all’interno delle strutture sportive in linea con il protocollo della LND nazionale, nel rispetto di privacy e cybersicurezza. Dalla gestione della community sportiva, tesa al miglioramento della comunicazione tra i diversi attori, alle soluzioni più tecniche, riguardanti la parte amministrativa e contabile, noi di Sporteams abbiamo creato una suite di prodotti innovativi affinché lo sport possa di nuovo tornare a essere una passione vissuta ogni giorno da tutti, anche in una situazione così profondamente onlife. ➞ Scopri di più sui nostri prodotti

LEGGI TUTTO