fbpx

Gestione società sportive, i vantaggi per gli sponsor

gestione società sportive

Condividi questo articolo

Gestione società sportive: ecco le novità!

Nell’ultima newsletter del commercialista Dr. Fabio Zucconi, un servizio molto utile per ASD e SSD, è stato approfondito un tema di grande rilevanza per l’intero settore sportivo: le sponsorizzazioni

Si sta consolidando, a livello giuridico, un orientamento in base al quale sono impediti gli accertamenti sulla base di presunzioni di non economicità delle spese promozionali, il che, in definitiva, potrebbe agevole i rapporti tra società sportive e sponsor in un periodo particolarmente importante per la raccolta delle risorse economiche – specialmente dopo la crisi causata dal Covid-19.

Approfondiamo insieme!

Gestione società sportive, le novità per gli sponsor

Al centro dell’approfondimento che abbiamo scelto di portare sul nostro blog c’è il tema del rischio di controlli da parte dell’Agenzia delle Entrate “con riferimento alle contestazioni della deducibilità del costo in capo allo sponsor per mancanza del requisito di inerenza, economicità e proporzionalità dello stesso rispetto alla realtà aziendale”. Due recenti sentenze – una della Corte di Giustizia dell’Unione Europea, l’altra dalla Commissione Tributaria Provinciale di Parma – hanno infatti avuto un esito favorevole per le imprese che fanno sponsorizzazioni sportive. 

Questo, di conseguenza, dovrebbe permettere agli enti sportivi, come le società sportive dilettantistiche, di raccogliere più facilmente risorse tramite l’attività promozionale e pubblicitaria legata all’attività istituzionale sportiva. 

Del resto, secondo Zucconi: 

“È importante […] sottolineare che l’orientamento favorevole alle sponsorizzazioni sportive sta proseguendo a tutti i livelli, dalla provincia alle corti internazionali e senza eccezioni favorevoli alle interpretazioni portate avanti senza successo ormai da anni dall’Agenzia delle Entrate. Speriamo che questo continuo susseguirsi di pronunce contrarie spinga l’amministrazione finanziaria ad abbandonare questo filone di accertamento eliminando un ostacolo importante alla ricerca di fonti di finanziamento per gli enti sportivi dilettantistici”.

A questo proposito, va ricordato che per ottenere una presunzione assoluta agli occhi dell’Agenzia delle Entrate circa la natura pubblicitaria delle sponsorizzazioni sportive, è essenziale che queste abbiano le seguenti caratteristiche: 

  1. siano a favore di a un ente sportivo iscritto al Registro CONI
  2. non superino l’entità di 200.000 euro all’anno
  3. siano finalizzate alla promozione dell’immagine o dei beni/servizi dello sponsor
  4.  abbiano una effettiva esecuzione

Leggi anche:
Come gestire una società sportiva dilettantistica

Sponsorizzazioni e detraibilità dell’IVA, le due sentenze

Nel primo caso, con riferimento alla detraibilità dell’IVA, la Corte Europea di Giustizia ha affermato, secondo Zucconi, che le amministrazioni finanziarie nazionali “non hanno il diritto di impedire la detrazione dell’IVA nel caso in cui il prezzo fatturato per i servizi pubblicitari sia considerato eccessivo rispetto a un ipotetico valore di riferimento, né può essere negata la detrazione dell’IVA se i servizi di sponsorizzazione sportiva ricevuti non abbiano dato luogo a un aumento del fatturato”. 

Per poter detrarre l’IVA, quindi, lo sponsor dovrà solo provare che i servizi pubblicitari ricevuti abbiano un nesso diretto e immediato con il complesso delle attività economiche svolte; dimostrando, cioè, che la sponsorizzazione sportiva sia effettivamente mirata alla promozione dei beni/servizi commercializzati.

Basterà dunque accertare che l’impresa abbia un vantaggio teorico attraverso la prestazione pubblicitaria. Mentre non sarà necessario dimostrare che il prezzo pagato per la prestazione sia “economicamente vantaggioso o congruo rispetto a valutazioni di mercato”, né di avere ottenuto risultati in termini di fatturato o utile. La finalità del contratto, in sostanza, dovrà essere quella di promuovere l’immagine o i beni/servizi dell’impresa – senza vincoli ulteriori. 

Nel secondo caso, sempre con riferimento alla detraibilità dell’IVA,  la Commissione Tributaria Provinciale di Parma ha ribadito quali sono le caratteristiche necessarie affinché sia possibile “rendere deducibili le spese di sponsorizzazione indipendentemente da giudizi di inerenza o proporzionalità”. 

La Commissione ha affermato che: “… non si può non considerare che l’articolo 90, comma 8, della legge 289/2002 è sì norma speciale, destinata a derogare il regime di deducibilità dei costi delineato dall’articolo 109 del TUIR, ma concepita per rispondere a specifiche esigenze del settore dello sport dilettantistico, quelle di predisporre un regime fiscale agevolato per chi decida di investire in tale settore, al fine di favorire – tramite appunto la leva fiscale – l’incremento di queste attività ritenute socialmente utili e meritevoli di tutela. Si è quindi in presenza di una valutazione che ha già compiuto il legislatore tributario, stabilendo una presunzione assoluta di deducibilità del costo e rendendo insindacabile (tranne casi eccezionali) la scelta imprenditoriale di promuovere il nome, il marchio o l’immagine attraverso iniziative pubblicitarie nel settore sportivo dilettantistico”.

La sentenza, secondo Zucconi, ha quindi ribadito che “esiste una presunzione assoluta di deducibilità del costo che prescinde da valutazioni sulla sua inerenza all’attività commerciale svolta”. Inoltre, ha collegato in modo chiaro la conclusione a cui è giunta “con la volontà politica di agevolare lo sport dilettantistico”. E questo perché “il legislatore ha inteso con questa disposizione eccezionale aiutare il settore dello sport dilettantistico consentendo agli imprenditori che sono disposti a versare delle somme agli enti sportivi in corrispettivo di una prestazione promo-pubblicitaria di prescindere da qualsiasi considerazione in termini di economicità o proporzionalità”. 

In sostanza, la Commissione ha affermato che per le società sportive reperire risorse finanziarie genera un beneficio sociale (di cui si avvantaggia la collettività) che, dal punto di vista finanziario, merita di essere incentivato – nella fattispecie consentendo agli imprenditori e ai professionisti la detrazione dell’IVA.

Leggi anche:
Gestionale società sportive: l’innovazione al servizio dello sport

Sporteams Club, la gestione società sportiva a 360°

Per semplificare la gestione delle società sportive, anche dal punto di vista economico, abbiamo sviluppato una soluzione sportech su misura:   Sporteams Club.  Un software gestionale che consente di velocizzare i processi operativi utilizzabile con qualsiasi dispositivo e con qualunque sistema operativo.

Sporteams Club collega l’intera organizzazione sportiva e, allo stesso tempo, si articola in molteplici profili disponibili per ogni tipo di figura sportiva. Delle funzionalità disponibili, quella relativa agli sponsor è tra le più interessanti: è infatti possibile promuovere gli enti, le aziende e le imprese che hanno deciso di investire nella società sportiva direttamente all’interno della piattaforma digitale.

La comunicazione commerciale e/o promozionale dello sponsor, così, può arrivare a tutti gli utenti che utilizzano Sporteams Club – tesserati e non tesserati – grazie allo sfruttamento intelligente di uno spazio digitale alternativo ai canali convenzionali (striscioni pubblicitari, volantini, materiale informativo ecc.). Al momento è possibile mettere a  disposizione fino a 3 spazi pubblicitari.

Tutto questo si traduce in un vantaggio reciproco: sia le società sportive, che hanno l’opportunità di convincere gli attori economici del territorio a spostare risorse sul mondo dello sport; sia per gli attori economici stessi, che, aumentando la propria visibilità e scommettendo sul digitale, possono rinnovare il proprio modello di business per superare la crisi economica provocata dalla pandemia.

Leggi anche:
Gestione società sportive: “Sporteams? Servizi molto utili”

Hai domande sulle nostre soluzioni sportech?
Il nostro obiettivo principale è aiutarti a trovare la soluzione migliore per il tuo progetto: raccontaci la tua idea e ti scriveremo al più presto per fissare un incontro.​
CONTATTACI

Registrati alla nostra Newsletter

Resta aggiornato e impara dai migliori

Il tuo indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per inviarti la nostra newsletter e informazioni sulle attività di SPORTEAMS. Puoi sempre utilizzare il link per annullare l’iscrizione incluso nella newsletter.

Altri articoli dal nostro blog

Sport bonus
Contabilità ASD

Sport bonus 2022: tutti i dettagli

Sport Bonus 2022: prorogata  l’agevolazione che permette alle Asd un recupero fiscale   In una delle recenti newsletter di Fabio Zucconi, dottore commercialista e partner di Sporteams, è stata affrontato un argomento molto interessante per le associazioni sportive dilettantistiche: il bonus sportivo 2022. Una misura che, attraverso il credito di imposta, consente un recupero fiscale

Leggi tutto »
Software per Asd
asd

Software per Asd: come digitalizzare lo sport

Software per Asd: un nuovo strumento per lo sport dilettantistico  L’insieme delle tecnologie applicate allo sport può radicalmente cambiare metodi di lavoro e approcci organizzativi delle associazioni sportive dilettantistiche.  In questo articolo cerchiamo di capire quali sono i problemi delle Asd, quali i vantaggi delle soluzioni sportech e come si articola la nostra suite di

Leggi tutto »

Hai domande sull'azienda, sui nostri prodotti, servizi o altro?​

Il nostro obiettivo principale è aiutarti a trovare la soluzione migliore per il tuo progetto: raccontaci la tua idea e ti contatteremo al più presto per fissare un incontro.​

Torna su