fbpx

Blog

Certificazione Unica 2024: scadenze e tutorial

Certificazione Unica

Scadenza Certificazione Unica 2024 per Enti Sportivi Dilettantistici: Guida alla Compilazione

Come tutti gli anni si avvicina il termine per la predisposizione, la trasmissione e la consegna ai percipienti
dei modelli di Certificazione Unica che attestino i versamenti fatti a titolo di compensi ai collaboratori degli
enti sportivi dilettantistici nel corso dell’anno appena trascorso. Quest’anno, dato che il 16 marzo cade di sabato, la scadenza è fissata al 18 marzo.

In questo articolo, grazie al dottor commercialista, Fabio Zucconi, troverai dettagliate istruzioni per la compilazione del modello, con particolare focus sui compensi erogati dalla forma di collaborazione coordinata e continuativa nel secondo semestre del 2023.

Quali sono le novità con la Riforma dello Sport?

Rispetto agli scorsi anni sarà necessario un lavoro doppio perché, come sappiamo, la Riforma ha introdotto importanti novità. 
Fino al 30 giugno 2023 si è applicata la norma in vigore da molti anni che qualificava i proventi da collaborazioni sportive dilettantistiche come redditi diversi. Ora, invece, la nuova normativa ha incluso i redditi da lavoro sportivo nella categoria di redditi assimilati a quelli del lavoro dipendente, a patto che siano presenti determinati requisiti. 

Di conseguenza, si devono predisporre due tipi differenti di certificazioni a seconda del reddito e della data di pagamento del compenso: 

Certificazioni per compensi fino al 30 giugno 2023

In questo caso, si possono seguire le modalità di compilazione utilizzata precedentemente, con l’accortezza di utilizzare la causale “N1” invece che la causale “N” nel punto 1 del modello. 

Certificazioni per compensi dal 1 luglio 2023

È, invece, più complessa questo tipo di compilazione. Ci occuperemo delle istruzioni del CU per compensi annui non superiori a 15.000 euro.

Per i compensi erogati dal 1 luglio per lavoro sportivo in forma CO.CO.CO. le sezioni del modello che vanno compilate sono tre:

  • Nella prima sezione del modello vanno compilati sono i numeri 6, 8, 9, 10 e 11
  • Nell’ultima sezione in basso della terza pagina, l’unico punto da compilare è il numero 784
  • Nella quarta sezione della quarta pagina, le caselle da 53 a 62. 

Per aiutare nella compilazione, entriamo nel dettaglio delle istruzioni di ciascuna casella.


Guida alla compilazione: tutorial per la Certificazione Unica

Sezione DATI FISCALI – FATI PER LA EVENTUALE COMPILAZIONE DELLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI – REDDITI:

i) Casella 6: inserire il totale dei giorni in cui è stato attivo un contratto. Nel caso in cui ci siano diversi contratti, i giorni in cui sono stati in vigore i diversi contratti si devono sommare.

ii) Casella 8: riportare la dati di inizio del contratto. Nel caso in cui nell’anno ci siano più contratti, inserire la data inizio del contrato più vecchio.

iii) Casella 9: se il contratto è ancora in corso al 31/12/2023 non compilare. Se il contratto non è in corso al 31/1272023, inserire data termine contratto. Se un contratto è terminato, ma ne è in corso uno successivo non compilare.

iv) Casella 10: se casella 9 è stata compilata: NON compilare casella 10. Se casella 9 NON è stata compilata, mettere “X” in casella 10. 

v) Casella 11: inserire “1” se sono stati fatti diversi contratti nel corso dell’anno e non coprono tutti i 365 giorni.  Altrimenti non compilare. 


Sezione REDDITI LAVORO SPORTIVO

i) Casella 784: inserire il totale dei compensi lordi percepiti nel periodo 1/7-31/12/2023


Sezione INPS GESTIONE SEPARATA PARASUBORDINATA SPORTIVI DILETTANTISTICI E FIGURE ASSIMILATE

i) Casella 53: inserire totale dei compensi lordi percepiti nel periodo 1/7-31/12/2023.

ii) Casella 54: inserire l’imponibile contributivo pari a quanto indicato a casella 53 meno 5.000 euro (mettere zero se viene negativo). 

iii) Casella 55: inserire la metà di quanto indicato a casella 54.

iv) Casella 56: inserire il totale dei contributi dovuti (somma dei contributi dovuti nel corso del periodo 1/7-31/1272023). 

v) Casella 57: indicare il totale dei contributi a carico del lavoratore. Deve corrispondere a un terzo di casella 56.

vi) Casella 58: inserire l’importo dei contributi versati. Deve corrispondere all’importo indicato a casella 56. 

vii) Casella 59: non deve essere barrata. 

viii) Casella 60: mettere “X” sui quadratini dei mesi in cui non si è verificato il presupposto per il versamento dei contributi INPS (pagamento compensi oltre la soglia previdenziale) e non si è preceduta alla trasmissione del modello UNIEMENS. Ricordiamo che l’obbligo di trasmettere il modello UNIEMENS va adempiuto con riferimento a tutti i mesi in cui si verifica il presupposto dei pagamenti di contributi previdenziali per pagamenti oltre la soglia previdenziale dei 5.000 euro annui.

ix) Casella 61:

  •  Compilare con D1 se il lavoratore sportivo non ha altra copertura previdenziale 
  • Compilare con D3 se il lavoratore sportiva ha altra copertura previdenziale, ma non è un pubblico dipendente. 
  • Compilare con D7 se il lavoratore sportivo è un pubblico dipendente. 
x) Casella 62: 
  •  Compilare con D2 se in casella 61 è stato inserito D1.
  • Non compilare negli altri casi. 

Come un gestionale contabile può aiutarti? 

Per affrontare la sfida della Riforma non possiamo non rivolgerci ad esperti del settore ed affidarci a soluzioni digitali che possano aiutarci a comprendere le novità ed abbassare in modo importanti errori e sviste, grazie alle automazioni. 

Con Sporteams GeCo cerchiamo di offrire soluzioni ottimali per rispondere a tutte le novità, compresi tutti i documenti di cui abbiamo parlato per la corretta gestione dei rimborsi per i volontari sportivi. 

Conti in ordine, aumento introiti, conformità con la nuova normativa e una maggiore possibilità di accesso al credito bancario. Questo è ciò che ti permette di fare il nostro gestionale contabile.

Sporteams GeCo, ideato in collaborazione con Fabio Zucconi, è stato sviluppato proprio con un preciso scopo: snellire il carico burocratico complessivodematerializzare la documentazione cartacea e velocizzare lo svolgimento delle attività contabili, amministrative e fiscali; il tutto in conformità con il GDPR Compliance.

Non possiamo pensare di adeguarci alle nuove norme, senza far ricorso ad esperti del settore e soluzioni digitali.

Se vuoi saperne di più, non esitare a contattarci a commerciale@sporteams.it 

CONDIVIDI SU

Altri articoli dal nostro blog

gestionali sportivi
Applicazione sportive

I gestionali sportivi di Sporteams

Gestire un’associazione sportiva dilettantistica può rivelarsi una sfida senza gli strumenti adeguati. Ci sono leggi e scadenze da rispettare, comunicazioni da gestire ed organizzazione continua. L’introduzione di app per lo

Leggi tutto